giovedì 19 marzo 2015

Segrate, salvo il Golfo Agricolo il Tar boccia il Piano di Governo


Storica vittoria degli ambientalisti e della cittadinanza locale, che da anni si sono messi di traverso per fermare il progetto che avrebbe devastato quel poco di verde che ancora esiste a Segrate.  Il Tar della Lombardia, infatti, ha annullato il piano di governo del territorio (Pgt) di Segrate, "i piani attuativi e il permesso di costruire rilasciati dal Comune di Segrate per cementificare il Golfo Agricolo, lembo di verde inedificato in passato noto come Rovagnasco, un'area dall'alto valore ecologico". Il Golfo Agricolo è una vasta area, di circa 100 ettari, dedicata all'agricoltura fin dal Medioevo. Ad annunciare lo stop è il Wwf della Lombardia che, unitamente a Legambiente e ai comitati locali, sin dal 2012, anno in cui il sindaco Alessandrini aveva varato il faraonico Pgt, si è da subito mobilitata con ricorsi al Tar e richieste di Via (Valutazione di impatto ambientale) alla Regione Lombardia.
Il Comune, spiega l'associazione ambientalista, "aveva portato avanti, noncurante delle osservazioni presentate dal comitato Golfo Agricolo e da Wwf Martesana, un progetto di completa edificazione della vastissima area verde posta tra Segrate e Milano, classificata come varco ecologico dalla rete ecologica regionale, attraverso procedure assolutamente carenti di ogni valutazione ambientale: la Vas (Valutazione ambientale strategica) del Pgt era incompleta, mancava ogni Vas dei piani attuativi, e l’intervento non era stato sottoposto alla doverosa Via, prevista per interventi di così ampie dimensioni, che il Comune aveva spezzettato in quattro distinti ambiti proprio per cercare di eludere anche questo passaggio partecipato."

Nessun commento: