martedì 18 dicembre 2012

Pendolaria 2012 Blitz in stazione Cadorna a Milano: gli ambientalisti come i “sopravvissuti a Trenord”

Milano, 18 dicembre 2012                                                                             Comunicato stampa

 
Legambiente: “E' ora di abbandonare il gigantismo autostradale e puntare tutto sulla mobilità collettiva”


Continua a crescere il numero di cittadini che ogni giorno prende il treno per andare a lavorare o a studiare. Negli ultimi 3 anni i pendolari lombardi sono aumentati circa del 20% (670mila ogni giorno), segno che come spesso accade i cittadini sono più lungimiranti di chi li governa e hanno capito che il vero futuro della mobilità passa dal trasporto su ferro. E a causa della crisi e dell'aumento del costo dei carburanti questi numeri sono destinati a crescere nei prossimi anni. Peccato però che a fronte di più passeggeri la scelta di lasciare a casa l'automobile non è stata premiata, anzi, solo nel 2011 il biglietto è aumentato del 23% e le condizioni di viaggio sono ancora lontane da poter essere definite “moderne” o vicine agli standard europei. Sono questi alcuni dei dati emersi dal rapporto “Pendolaria 2012” che Legambiente ha presentato questa mattina davanti alla stazione Cadorna di Milano. Gli ambientalisti si sono presentati sul piazzale dello scalo ferroviario e hanno messo in scena una singolare protesta contro i disagi di questi ultimi giorni e in generale per accendere i riflettori sulle condizioni di vita dei pendolari lombardi. Gli attivisti si sono definiti dei veri “sopravvissuti a Trenord” e hanno montato una tenda, srotolato dei sacchi a pelo e hanno preparato del tè caldo: insomma tutti gli ingredienti per poter resistere alle dure prove che il gestore del trasporto locale pubblico sottopone i poveri pendolari ogni giorno.

Mettere il trasporto su ferro al primo posto con più treni, più manutenzione e migliore gestione: è questa la prima richiesta di Legambiente al monopolista ferroviario lombardo nato dalla fusione tra FNM e FS. Occorre aumentare la dotazione di materiale rotabile, sia per far fronte al necessario turn-over dei treni più vecchi e malconci, sia per aumentare la frequenza, in particolare nelle ore di punta, quando il sovraffollamento produce disagi ma anche disservizi e ritardi. Ma anche spendere bene il denaro è fondamentale: come emerge dai disagi di questi giorni causati dalla cattiva gestione di Trenord del nuovo sistema operativo dei turni dei ferrovieri. Con le stesse risorse pubbliche spese (610 milioni l'anno) si potrebbero avere migliori e maggiori servizi ferroviari. La Regione Lombardia in questi anni ha investito risorse importanti per le ferrovie, ma stiamo parlando comunque di una frazione minima del proprio bilancio: lo 0,51%.






“Un dato inaccettabile, non solo per le ragioni ambientali legate all'emergenza smog – dichiara Dario Balotta, responsabile trasporti Legambiente Lombardia – La sottovalutazione dell'importanza del trasporto ferroviario è dimostrata dai disagi dell'ultima settimana, i pendolari hanno infatti dovuto sopportare condizioni di viaggio da medioevo e non degni della regione più ricca d'Italia. Le ferrovie regionali devono essere in grado di far fronte alla domanda di mobilità per evitare che il sistema produttivo si blocchi: è arrivato il momento delle scelte, non è più possibile continuare a gettare soldi in autostrade, occorre usare meglio le infrastrutture stradali esistenti e puntare tutto sulla mobilità collettiva”. Anche il trasporto merci su gomma, secondo Legambiente, deve subire una forte inversione di tendenza: “Non è possibile - prosegue Balotta - che in Italia la media delle merci che viaggiano sui binari è ferma al 7% mentre la media europea sia il doppio (14%) e solo in Germania si arrivi al 20%”.

Per il futuro Legambiente si augura che si possa definitivamente chiudere la pagina del gigantismo autostradale che ha drogato la programmazione lombarda degli ultimi 20 anni. Con gli oltre 11 miliardi di euro pubblici che si stanno buttando per costruire nuove inutili autostrade come la Broni-Mortara, la BreBeMi e la TEM, si potrebbe veramente segnare il rilancio del trasporto pubblico locale.

Il rapporto Pendolaria 2012 è su http://lombardia.legambiente.it e su www.legambiente.it

L'Ufficio stampa Legambiente Lombardia 02 87386480

Acqua fresca e gasata per tutti: soprattutto gratis!

Da giovedì 13 dicembre è iniziata l’istallazione delle prime due “case”dell’acqua finanziate dal Comune e gestite da Metropolitana Milanese Spa per promuovere l’acqua pubblica di Milano e la sua ottima qualità come bene comune. Le prime due sono al Parco Formentano, in largo Marinai d’Italia e al parco Chiesa Rossa in via San Domenico Savio. Le altre “case” saranno installate mercoledì 19 presso il Parco Bassi in via Livigno,  il Giardino Cassina de’ Pomm in via Zuretti Gioia (ang. Cassoni) e i giardinetti di via Morgagni.
Acqua di Milano, opportunità per tutti (video intervista)
La difesa e la promozione dell’acqua pubblica come bene comune sono sempre state al centro dell’azione della nostra Amministrazione e Milano è una delle prime città d’Italia per la qualità della sua acqua. Bere acqua del rubinetto significa anche tutelare l’ambiente: questi distributori garantiranno a tutti l’accesso ad una risorsa preziosa e sono un ulteriore passo verso una città sempre più sostenibile. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito Milano Blu cliccando qui.
Entro gennaio tutti e cinque gli erogatori con il marchio del Comune e di Milano Blu saranno a disposizione dei cittadini ed erogheranno la stessa acqua che sgorga dai rubinetti delle nostre case, ma con la possibilità di scegliere tra liscia e gassata. Ogni distributore avrà anche un piano d’appoggio per le bottiglie da riempire e per quelle già riempite con una vaschetta raccogli gocce collegata direttamente allo scarico, per evitare la fuoriuscita d’acqua che d’inverno potrebbe ghiacciare. Una lampada UV battericida sul beccuccio di erogazione garantirà la protezione da retro contaminazioni.
Per accedere al servizio è previsto un sistema di autenticazione dell’utente tramite la tessera regionale dei servizi. Ogni macchina sarà, inoltre, a norma di legge per i diversamente abili e dotata di un monitor per il passaggio di comunicazioni ed informazioni agli utenti e di illuminazione notturna a LED con basso consumo elettrico. Inoltre ci saranno quattro telecamere per la sicurezza e la registrazione di atti vandalici e pulsanti elettrici antivandalici.

Fonte: blog www.piermaran.it

giovedì 13 dicembre 2012

Forum Consultivo del Parco Media Valle Lambro

Il Forum Consultivo del Parco Media Valle Lambro è convocato il giorno
 
martedì 18 dicembre 2011 ore 18.30 presso la sala del camino di villa Puricelli Guerra,
in via Puricelli Guerra 24, Sesto San Giovanni,

con il seguente ODG:

1) presentazione bilancio di previsione 2013.
2) presentazione variazioni bilancio di previsione 2012.
3) relazione del presidente su:
·         PMVL.2 verso un parco metropolitano;
·         100 racconti x 1 parco, storia degli orti della Bergamella;
·         Diario di una bicicletta.
·         Segnaletica PMVL
4) varie ed eventuali

I documenti per la discussione saranno disponibili sul sito www.pmvl.it a partire dal giorno 14 dicembre 2011.

Cordiali saluti.

arch. Luca CeccattiniParco Media Valle Lambro
Presidente

tel. 02 2496.317
sito www.pmvl.it

mercoledì 12 dicembre 2012

Depurazione delle acque Tecniche Impianti per il trattamento delle acque di rifiuto di Luigi Masotti Nuova Edizione completamente aggiornata ed ampliata



DESCRIZIONE

Mantenendo  l’impostazione  pratico-applicativa  dell’edizione  precedente,  il  testo
fornisce, in modo unitario ed interconnesso, una panoramica generale sulle tecniche di
depurazione  delle  acque  reflue,  aggiornate  con  i  più  recenti  sviluppi  nel  settore,  ed
armonizzate   con   le   sempre   più   pressanti   esigenze   di   rispetto   dell’Ambiente,
“sostenibilità”, risparmio energetico, riuso delle risorse.

Grandi  e  piccole  comunità  urbane,  quartieri  residenziali,  comunità  rurali,  centri
turistici, campeggi e villaggi di vacanze, piccole comunità urbane isolate.
Scarichi industriali.
Concezione,  progettazione  e  dimensionamento,  costruzione e gestione di impianti e
sistemi di depurazione.
Trattamento  e  smaltimento  dei  liquami  e  dei  fanghi.  Trattamenti  combinati  liquami
civili-scarichi industriali e fanghi-rifiuti solidi.

Dopo  lo  sviluppo  di  una  serie  di  temi  generali  e  la  definizione  dei  sistemi  di
pretrattamento,   vengono   forniti   i  dettagli  di  funzionamento,  dimensionamento,
gestione dei moderni sistemi di depurazione.
Tecniche   di   depurazione   “naturale”,   subdispersione,   filtrazione   intermittente,
fitodepurazione, lagunaggio.
Tecniche  di  depurazione  “impiantistiche”:  sistemi a biomassa sospesa (fanghi attivi,
MBR,  UASB,  lagunaggio  aerato)  ed  a  biomassa  adesa  (filtri  percolatori  e  derivati,
biofiltri, sistemi MBBR), trattamenti di precipitazione chimica.
Sistemi di disinfezione convenzionale ed avanzata.
Ispessimento, stabilizzazione, disidratazione, smaltimento, riuso del fango.
Trattamenti di affinamento. Abbattimento di azoto e fosforo. Trattamenti avanzati. dei
liquami e dei fanghi. Riuso delle acque reflue depurate.
Avviamento degli impianti. Impatto ambientale. Controlli di gestione. Tutela igienica
e sicurezza degli Operatori. Confronti e scelte. Costi di costruzione e di gestione.

Dettagliati esempi numerici di dimensionamento ed ampia bibliografia.

Il  DVD a corredo, sviluppato su una base di progetti e documenti forniti da HERA
s.p.a  ed  ampliato  con  la  collaborazione  di  Enti,  Professionisti,  Ditte  Specializzate,
costituisce un supporto di preziose esperienze.

Pagine: 1226
Figure: 915
Tabelle: 235
Esempi numerici: 82
ISBN: 978-88-506-5202-0
Progetti nel DVD: 62
Confezione: cartonato con indice analitico e DVD
Data di pubblicazione: Novembre 2011
Editore: Calderini Editore - Il Sole 24 Ore

martedì 11 dicembre 2012

A Gurone per i Mulini


I Mulini di Gurone sono al centro di un ambizioso progetto di recupero e valorizzazione curato da Legambiente per restituire alla collettività un'area preziosa dal punto di vista storico e naturalistico. Obiettivi dell'associazione sono la costituzione di un Osservatorio permanente per il fiume Olona, la realizzazione di un centro per il volontariato, la gestione di percorsi di educazione ambientale, la creazione di un punto di riferimento per il cicloturismo.

Primo passo però è l'acquisto della porzione dell'edificato su cui gli ambientalisti vogliono intervenire. Ecco perché a fine ottobre Legambiente ha lanciato una raccolta fondi che si può seguire tramite il blog sosmulini.blogspot.com


I circoli ambientalisti di Varese e Malnate, insieme alla Consulta di Gurone, promuovono una serata pubblica di presentazione del progetto mercoledì 12 dicembre alle 21.00 presso il salone dell'Oratorio di Gurone in piazza San Lorenzo 1. Un'occasione per saperne di più, chiarire dubbi, farsi coinvolgere, contribuire. 

Legambiente Varese Onlus

Piazza F. De Salvo 8
21100 Varese
Tel/Fax: 0332 812059
e-mail: legambientevarese@virgilio.it

sabato 8 dicembre 2012

Da oggi l’acqua di Milano ha un nome: “MILANO BLU”

Da oggi l’acqua di Milano ha un nome: “MILANO BLU”, il marchio dell’acqua pubblica di Milano, realizzato insieme a Metropolitana Milanese Spa, che gestisce il servizio idrico integrato della città.

Ma Milano Blu è soprattutto un portale, www.milanoblu.com,  che mette a disposizione di tutti i cittadini un’ampia gamma di informazioni: la carta dei servizi, perché bere l’acqua del rubinetto, come funzionano sia i cicli di depurazione che quelli di potabilizzazione dell’acqua, la possibilità di ottenere analisi di quella distribuita nella propria zona, come fare  nuovi allacciamenti oppure la voltura di un contratto per l’erogazione, la possibilità di visitare gli impianti e news sempre aggiornate.

“Finalmente l’acqua di Milano ha un nome, un sito e un luogo tutto suo” ha dichiarato Lanfranco Senn, Presidente di Metropolitana Milanese Spa “ed è con impegno - lette anche le recenti parole pronunciate dal Sindaco Pisapia riguardanti la nostra capacità nella gestione della cosa pubblica - che vogliamo continuare a garantire e migliorare la qualità del servizio che forniamo, con un adeguato piano d’investimenti e di manutenzione delle reti e fornendo al cittadino-utente strumenti di consultazione e di conoscenza che possano avvicinarlo al nostro impegno quotidiano”.

Per festeggiare il “lieto evento” sabato 8 e domenica 9 dicembre, presso quattro caratteristiche vedovelle situate in piazza della Scala, piazza Duomo, piazza Argentina e porta Garibaldi, dei  sommelier inviteranno i cittadini a degustare l’acqua di Milano nei bicchieri con il nuovo marchio “Milano Blu” e distribuiranno gadget.  

giovedì 6 dicembre 2012

20ima tappa del Lambrotour a San Giuliano Milanese

Clicca qui per ingrandire l'immagineSabato 26 gennaio 2013, presso la sala Previato della biblioteca comunale di San Giuliano Milanese (piazza della Vittoria), alle ore 16:30, proiezione del documentario "Ciar cumè l'acqua del Lamber" (Chiaro come l'acqua del Lambro), docu-film realizzato da Elena Maggioni, Hulda Federica Orrù e Carlotta Marrucci. Il lungometraggio, promosso nell'ambito del Contratto di Fiume Lambro Settentrionale, ha avuto il sostegno di:
  • Regione Lombardia - DG Ambiente, Energia e Reti;
  • Fondazione Cariplo;
  • Tasm;
  • CapHolding;
  • Brianzacque;
  • Amiacque.
Un viaggio di 130 km per raccontare la vita che scorre lungo il Lambro e scoprire dove e quando l'equilibrio fra l’uomo e questo fiume si è spezzato. Un viaggio attraverso i ricordi di chi vive lungo le sponde del fiume, nei quali è possibile trovare anche una speranza per il futuro.

Arriva la befana di Agliate!!