mercoledì 13 luglio 2016

martedì 12 luglio 2016

Ampliamento degli impianti sciistici a Livigno: il tar accoglie il ricorso di Legambiente

Milano, 12 luglio 2016 Comunicato stampa

"La Vallaccia è salva! Ora la società degli impianti si ritiri, ma non prima di aver ripristinato l’integrità dell’area"

È stata una lunga attesa, considerata anche la complicazione del procedimento amministrativo impugnato, ma alla fine la sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale è arrivata. E gli ambientalisti esultano: il TAR Lombardia ha, infatti, accolto il ricorso di Legambiente che contestava la decisione di realizzare un nuovo impianto di risalita con annesse piste nel cuore della Vallaccia, convalle parallela alla valle di Livigno e, finora, incontaminata. La Vallaccia, ammantata di pascoli e prati sul fondovalle, ha conservato intatto il suo antico carattere rurale, ed è protetta sia dal Piano Paesistico della Lombardia che dalla rete europea Natura 2000, in quanto riconosciuta sito naturalistico di interesse comunitario.

La società impianti Mottolino Spa, proponente dell'impianto, ha sempre contrapposto alle ragioni degli ambientalisti - supportate anche dal parere della Soprintendenza – l’argomentazione che non si trattasse di un nuovo impianto ma della ricostruzione di una struttura già esistente. Una tesi che gli ambientalisti, difesi dall'avvocato Franceso Borasi del centro di azione giuridica di Legambiente, hanno sempre contestato: non solo la stazione di partenza della funivia dismessa si trova a ben tre chilometri da quella prevista in Vallaccia, ma tutti gli atti di pianificazione, dal PGT di Livigno, al PTCP della Provincia di Sondrio, fino al Piano Territoriale dell'Alta Valtellina, non contemplano alcun ampliamento del dominio sciabile all'interno della Vallaccia. Le pernici alpine, dunque, possono tornare a nidificare in tutta tranquillità lungo il versante nord della Vallaccia, nessuna pista da sci è prevista, né consentita lungo il crinale.

"Siamo soddisfatti di questa conclusione di un contenzioso che dura da troppo tempo - dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia - il TAR si è pronunciato in modo inappuntabile e lineare. La natura e l'agricoltura devono tornare ad essere padroni della Vallaccia, insieme a forme di turismo sostenibile che sappiano apprezzare l'esclusività di questa valle, unica nel suo genere nel panorama delle Alpi lombarde. Ora alla società degli impianti chiediamo di ritirarsi definitivamente, ma non prima di aver ripristinato l'integrità dei luoghi".

La sentenza del TAR Lombardia è importante anche perché ha ristabilito un principio di certezza del diritto: gli amministratori di Livigno e della Comunità Montana, infatti, di fronte all'impossibilità di chiudere la Conferenza di Servizi per autorizzare l'impianto per i troppi motivi ostativi legati alla pianificazione paesaggistica e alle direttive comunitarie, avevano addirittura coinvolto il Consiglio dei Ministri, il quale, con un provvedimento di alta amministrazione aveva ritenuto di superare l'impasse e autorizzare le opere. Il TAR ha messo la parola fine: la procedura intrapresa è contemplata dalla legge per velocizzare provvedimenti, ma l'atto che ne consegue non può essere discrezionale, quindi in nessun caso può agire contro le norme vigenti, specie se in assenza di una motivazione adeguata e tecnicamente supportata.


Ufficio stampa Legambiente LombardiaSilvia Valenti
Cel. 349 8172191
Tel.
02 87386480

Ambiente: traffico illecito di fanghi, 6 arrestati in Lombaria

Roma, 12 luglio 2016                                                                              Comunicato stampa


Legambiente: "Lo smaltimento illegale dei rifiuti rimane un'emergenza nazionale.
Dopo la legge sugli ecoreati, per rendere più incisivo il contrasto all'illegalità ambientale, si attivi un'azione di formazione che coinvolga tutti gli attori
e si istituisca una grande polizia ambientale che metta a sistema le migliori esperienze già in campo"


"Ancora una volta, grazie al delitto di attività organizzata per il traffico illecito dei rifiuti approvato nel 2001 e al prezioso lavoro dei Carabinieri per la tutela dell'Ambiente, oggi è stato possibile sgominare un imponente smaltimento illegale di rifiuti in Lombardia. Gli arresti di questa mattina dimostrano tra l'altro come il ciclo illegale dei rifiuti rimanga uno dei settori prediletti dalla criminalità ambientale, un fenomeno diffuso anche al Nord Italia e uno dei più pericolosi in grado di danneggiare i territori, la salute dei cittadini e le imprese serie. Ora grazie alla nuova legge che introduce i delitti ambientali nel codice penale, approvata nel maggio del 2015, si può punire chi inquina e rendere più incisiva l'azione di prevenzione e contrasto dell'illegalità ambientale. Ma per una corretta e migliore applicazione di questa legge, è importante mettere in campo un'azione di formazione che coinvolga tutti gli attori del sistema di repressione dei reati ambientali, dai magistrati alle forze dell'ordine e ai tecnici dell'Arpa, e procedere alla costituzione di una grande polizia ambientale sempre più strutturata e diffusa sul territorio che faccia tesoro delle migliori esperienze maturate dall'Arma dei carabinieri e dal Corpo forestale dello Stato negli ultimi decenni. Inoltre è fondamentale approvare in tempi brevi i decreti attuativi della legge sulle agenzie ambientali. Solo così si potrà stroncare il fenomeno della criminalità ambientale attiva in tutto il Paese", così dichiara Stefano Ciafani, direttore generale di Legambiente

Quella dello smaltimento illegale dei fanghi in agricoltura è una vera piaga per la Lombardia: sono destinati all'agricoltura quasi metà delle oltre 800.000 tonnellate di fanghi prodotte dai depuratori lombardi e altre 400.000 tonnellate sono quelle importate da altre regioni. Un grosso business per un comparto che si è sempre opposto, anche per vie legali, ad ogni tentativo di mettere ordine nel settore da parte di Regione Lombardia. Tutto ciò nonostante i problemi e le ricorrenti proteste di cittadini e agricoltori confinanti con gli appezzamenti in cui vengono sparsi i fanghi, a causa degli odori molesti e delle problematiche ambientali che questa attività determina. "Ci conforta sapere che le autorità di polizia svolgono un'azione di controllo, ma siamo sicuri che molte attività illecite sfuggono alle indagini, considerata l'enormità dei quantitativi di liquami smaltiti nei campi coltivati – dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia – Restiamo convinti che i fanghi di depurazione, di qualità controllata e possibilmente sottoposti a trattamenti preventivi di compostaggio, possano e debbano diventare una risorsa per migliorare la fertilità dei suoli coltivati".

Per Legambiente il sistema dei controlli deve essere un'attività trasparente di routine amministrativa senza che ci si affidi solo all'attività della polizia giudiziaria. Per questo è necessario che l'attività di lavorazione dei fanghi si svolga con modalità certe, ad opera di imprese dal curriculum impeccabile: esattamente il contrario di quanto avviene ancora oggi in Lombardia.



Ufficio stampa di Legambiente
Luisa Calderaro
Tel. 0686268353-76

lunedì 11 luglio 2016

Foto del Big Jump 2016

Big jump Olona:










Big jump Ticino:



Big jump Certesa:





Big jump Monza:





Guarda tutte le iniziative:
http://www.legambientepiemonte.it/campagne-iniziative/big-jump-2016/

Articoli:
http://www.varesereport.it/2016/07/07/malnate-torna-il-big-jump-di-legambiente-un-tuffo-per-salvare-lolona/
http://www.varesenews.it/2016/07/torna-il-big-jump-di-legambiente-ai-mulini-di-gurone/534293/
http://www.laprovinciadivarese.it/stories/varese-provincia/fiume-olona-torna-il-big-jump_1191360_11/
http://www.mbnews.it/2016/07/legambiente-visita-guidata-fiume-lambro/
http://www.comocity.it/big-jump-10-luglio-un-tuffo-per-chiedere-acque-pulite/
http://www.ilgiorno.it/pavia/ticino-big-jump-1.2335258
http://www.ilgiorno.it/varese/olona-big-jump-1.2334001
http://www.valleolona.com/notiziario/2016/201607/160711_valle_bigjump.html





Foto del Big Jump 2016

Big jump Olona:










Big jump Ticino:



Big jump Certesa:






Guarda tutte le iniziative:
http://www.legambientepiemonte.it/campagne-iniziative/big-jump-2016/

Articoli:
http://www.varesereport.it/2016/07/07/malnate-torna-il-big-jump-di-legambiente-un-tuffo-per-salvare-lolona/
http://www.varesenews.it/2016/07/torna-il-big-jump-di-legambiente-ai-mulini-di-gurone/534293/
http://www.laprovinciadivarese.it/stories/varese-provincia/fiume-olona-torna-il-big-jump_1191360_11/
http://www.mbnews.it/2016/07/legambiente-visita-guidata-fiume-lambro/
http://www.comocity.it/big-jump-10-luglio-un-tuffo-per-chiedere-acque-pulite/
http://www.ilgiorno.it/pavia/ticino-big-jump-1.2335258
http://www.ilgiorno.it/varese/olona-big-jump-1.2334001





venerdì 8 luglio 2016

UN TUFFO COLLETTIVO PER CHIEDERE IL RISPETTO DELLE NORME EUROPEE



Milano, 8 luglio 2016                                                                                        Comunicato stampa

Domenica 10 luglio Big Jump 2016

UN TUFFO COLLETTIVO PER CHIEDERE IL RISPETTO DELLE NORME EUROPEE
In Lombardia fari puntati su TICINO, LAMBRO, OLONA e SEVESO
La denuncia: “Un quinto dei corpi idrici ancora lontano dallo stato di qualità “buono”
Appuntamenti per la stampa
Domenica 10 luglio alle ore 13.00 al Lido di Pavia sul Ticino

Torna il Big Jump, la campagna europea di European Rivers Network (ERN) ideata per reclamare la balneabilità di tutti i corsi d’acqua (www.rivernet.org/bigjump/). Attraverso un grande tuffo collettivo, dunque, verrà lanciato un messaggio simbolico alle istituzioni locali e internazionali affinché adottino tutte le politiche necessarie al ripristino del buono stato ecologico dei diversi ambienti acquatici. In Italia l’iniziativa è coordinata da Legambiente che, come ogni anno, organizzerà i tuffi in tutta la Penisola. In Lombardia il grande salto avverrà nelle acque dei fiumi Ticino, Lambro, Olona e nel torrente Certesa (tributario del Seveso).
Nonostante la normativa europea imponesse agli stati membri di portare i corpi idrici al livello di qualità “buono” entro il 2015, l'Italia e la Lombardia, cronicamente in infrazione, non hanno garantito i necessari investimenti al risanamento. Dei 561 corpi idrici naturali definiti dall’Autorità di Bacino del Fiume Po, per cui la Lombardia deve garantire il raggiungimento dell’obiettivo comunitario 112 presentano ancora forti criticità. Nei dati di Arpa, sotto riportati, si evidenzia anche qualche interessante miglioramento fra il 2013 e il 2014, soprattutto per il Seveso. Purtroppo è importante ricordare l’eccezionalità meteo climatica del 2014, quando il forte aumento di precipitazioni ha influito positivamente e in maniera diffusa sulla qualità delle acque superficiali. Importante sarà dunque il confronto con i dati del 2015.

“Il Big Jump è un evento simbolico, ma anche un momento per fare il punto sullo stato di avanzamento di progetti e interventi dedicati al miglioramento dei nostri fiumi – dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia Per l’ennesima volta segnaliamo che la Lombardia ha accumulato troppi anni di ritardo nell'avvio dei necessari interventi di risanamento, perchè per troppo tempo è mancata la visione che avrebbe dovuto guidare l'appostamento di risorse e investimenti necessari all'adeguamento delle reti fognarie e drenanti e degli impianti di depurazione. Questo spiega l'enorme ritardo della nostra regione nell'adeguarsi agli imperativi obblighi di qualità che la UE da 16 anni richiede agli stati membri con la direttiva 2000/60. Inoltre siamo preoccupati che ancora oggi esistono alcune province entro le quali la governance idrica di area vasta è di là da venire.”

Sotto le lenti dell'associazione, come sempre, i 'grandi malati': Olona, Seveso-Certesa e Lambro che ancora fanno registrare concentrazioni di inquinanti inaccettabili a causa di scarichi selvaggi, collettori fognari insufficienti, depuratori malfunzionanti o addirittura inesistenti. Ma anche il Ticino, il fiume azzurro, che subisce i ricorrenti rigurgiti di acque pesantemente contaminate provenienti dai bacini di Seveso, Olona e Lura.

“Il fiume Ticino è il ‘centro nevralgico’ della città e della provincia di Pavia, nonché corso d’acqua strategico per l’agricoltura e la biodiversità della Regione – dichiara Giovanni Fustilla del circolo Legambiente Pavia per questo vogliamo richiamare l’attenzione di tutti i soggetti interessati perché si adottino politiche forti per la sua tutela. L’inquinamento del Ticino è dovuto spesso agli scarichi dei numerosi depuratori collocati sia sulla sponda lombarda che piemontese e alle acque dei canali scolmatori, quasi sempre di pessima qualità. Ma influisce sul suo stato ecologico anche l’inquinamento legato all’agricoltura e al dilavamento e al trasporto di concimi chimici, diserbanti e antiparassitari che vengono sparsi in grande quantità nei campi. I problemi sono evidenti e pertanto chiediamo alla Regione un’attenzione particolare per questo meraviglioso, ma delicato ecosistema”.

La situazione dei corsi d’acqua lombardi




Tab. 1 – LIMeco del fiume Ticino, Lambro (meridionale e settentrionale), Olona, Seveso e del canale scolmatore (elaborazione da dati di Arpa Lombardia per l’anno 2014). Il LIMeco è un descrittore che integra i valori di 4 parametri rilevati su un corso d'acqua: azoto ammoniacale, azoto nitrico, fosforo totale e ossigeno disciolto


Il programma dei Big Jump in Lombardia:

Fiume Ticino – Pavia
Biciclettata con partenza alle ore 9.00 dal CUS PAVIA fino al Lido di Pavia e incontro con i canoisti che effettueranno la discesa da Bereguardo al Lido. Tutti insieme il Big Jump alle ore 13.00.

Fiume Lambro – Monza
Percorso in bicicletta nel Parco di Monza. Dalle ore 10.00 i volontari del Circolo Legambiente di Monza, condurranno a scoprire il fiume Lambro, i suoi 5 ponti e le sue acque. Appuntamento è al Santuario delle Grazie di via Montecassino 18. A chi vorrà sarà proposta un’azione simbolica di sostegno e di affetto nei confronti del Lambro procedendo ad un simbolico bagno nelle sue acque.

Fiume Olona – Malnate
Alle ore 10.00 ritrovo ai Mulini di Gurone e trasferimento al “lido” dell’Olona per il tuffo nel fiume con i volontari del campo di volontariato internazionale. A seguire incontro con i sindaci della valle per rilanciare l’ecosistema del fiume e la presentazione del progetto “L’anello del fiume”. A chiudere aperitivo al “Casello 10” con i prodotti dell’orto associativo.

Torrente Certesa – Seveso
Il 10 luglio, in concomitanza con il quarantesimo anniversario dall’incidente ICMESA, il big jump si svolgerà nel torrente Certesa alle ore 16.15 presso il Bosco delle Querce. Previsto anche un rito energizzante dedicato all’acqua.

Per approfondire:






Ufficio stampa Legambiente LombardiaSilvia Valenti
Cel. 349 8172191
Tel.
02 87386480

giovedì 7 luglio 2016

Como, la Goletta dei laghi promuove il Lario

omo, 4 luglio 2016 - Chiare, fresche e dolci acque quelle del Lario, almeno secondo Legambiente che da una sufficienza piena alla ramo comasco del lago. "I dati sono positivi - spiegano i responsabili della Goletta dei laghi - ma non abbassiamo la guardia sulla situazione degli affluenti". 
Il ramo comasco del Lario quest’anno mostra una situazione più positiva in punti che in anni passati risultavano, secondo il giudizio del Cigno Azzurro, “inquinati” o “fortemente inquinati” nell’indagine microbiologica. “Il nostro compito è quello di individuare le criticità dei bacini lacustri con particolare attenzione, non solo dove sappiamo esserci maggiore afflusso di bagnanti, ma soprattutto dove intravediamo un rischio più elevato di inquinamento – commenta Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia – Abbiamo registrato quest’anno sulla sponda comasca del Lario un cambiamento di rotta, che ci auguriamo possa essere un primo passo verso il risanamento delle situazioni più problematiche. Non abbassiamo, però, la guardia su questo lago”.
“I risultati di questi controlli, pur altalenanti, sembrano avere un’evoluzione favorevole nel tempo, che va di pari passo con l’aumento delle zone servite da fognatura e con il completamento del collegamento ai depuratori – dichiara Enzo Tiso, circolo Legambiente Angelo Vassallo – A Como la percentuale di popolazione servita da fognatura separata ha raggiunto il 77%, cui si aggiunge un 11% con fognatura mista, rimane il 12% di popolazione non servita. Per bloccare questa altalena occorre proseguire nel collettamento, ad esempio, completando il collegamento di Blevio e Torno alla fognatura cittadina di Como, sostituendo i tratti obsoleti e controllando l’efficienza dei depuratori”.
Per questo è urgente eliminare le criticità che provengono storicamente da un inquinamento cronico del primo bacino e degli affluenti del lago e investire per migliorare i sistemi di depurazione. Di interventi di questa portata ne beneficerebbe per prima la città capoluogo.
“Considerata la grande vocazione turistica del nostro lago e l’attrattività della città di Como, ci auguriamo che l’amministrazione mostri una sensibilità crescente nei confronti certamente della qualità dell’acqua, ma anche del paesaggio circostante che lo caratterizza –ricorda Chiara Bedetti, presidente del circolo Angelo Vassallo di Legambiente – La pedonalizzazione del lungolago, unita alla buona salute del primo bacino, potrebbero senza dubbio rappresentare una svolta positiva per la nostra città”.

Fonte: Il Giorno.it

mercoledì 6 luglio 2016

DOMENICA 10 luglio DOVE NASCE IL CANALE VILLORESI

I Circoli Legambiente Nerviano - Parabiago e FIAB Canegrate Pedala, con il patrocinio di Ecomuseo del Paesaggio Parabiago, Parco Mulini, Comune Nerviano e l'adesione di Contratto Fiume organizzano BICIcliAMO 2016.
 
DOMENICA 10 luglio DOVE NASCE IL CANALE VILLORESI 
 
Ritrovo e partenze: CANEGRATE ore 8,45 Piazza Stazione 
PARABIAGO ore 9.00 Piazza Maggiolini 
Nerviano: ore 9.00 Parco del Comune(Via Marzorati) 
 
Percorso circa 80 chilometri - Pranzo al sacco 
 
 Percorso totalmente su pista ciclabile all'interno dell'Anello Verde Azzurro costeggiando sia il Canale Villoresi che il Canale Industriale si giungerà alla Diga Panperduto dove nascono entrambi i Canali. Si potranno osservare gli aggiornamenti sugli interventi riqualificanti del percorso coordinati dal consorzio Villoresi. 
https://it.wikipedia.org/wiki/Canale_Villoresi#Parco_sovraccomunale_del_Villoresi http://www.etvilloresi.it/portal-villoresi/page149a.do?link=oln86.redirect 
 
Ricordiamo i suggerimenti tecnici per affrontare in tranquillità la passeggiata, di controllare che la bicicletta sia in buono stato di manutenzione e di dotarsi di riserve energetiche e d'acqua adeguati al clima estivo. Per eventuali informazioni: Canegrate ( Roberto )tel. 3479367703 Parabiago ( Claudio )tel. 3395621963 Nerviano ( Albino ) tel. 0331415834 In caso di maltempo la ciclo-escursione verrà posticipata a domenica 17 luglio. Buon estate e buona passeggiata a tutti! Legambiente Facebook: Legambiente Parabiago Facebook: Legambiente Nerviano FIAB Canegrate Pedala





















TAVOLO ARIA: INCENTIVI DI REGIONE LOMBARDIA NON GARANTISCONO RIDUZIONE INQUINAMENTO

Milano, 15 Ottobre 2019                                        Comunicato stampa TORNANO A SALIRE I LIVELLI DI POLVERI SOTTILI NELL’ARI...