mercoledì 30 maggio 2012

Presentazione del Rapporto Ambiente Italia 2012 a Milano


Acqua: bene comune, responsabilità di tutti

L'edizione 2012 del Rapporto annuale di Legambiente e Istituto di Ricerche Ambiente Italia è interamente dedicato all'acqua del nostro Paese: una scelta editoriale che punta ad indicare una grande priorità di investimenti strutturali troppo a lungo rimandati.

Venerdì 1 giugno ore 9.45  
Palazzo Lombardia sala riunioni, 5 – Piazza Città di Lombardia, 1 - Milano

Il 2011 è stato l’anno della vittoria del sì al referendum sull’acqua. Un esito che ha avuto il merito di riaccendere l’attenzione su un bene troppo spesso dato per scontato o soggetto a decisioni che escludono il consumatore finale e il cittadino. La grande partecipazione al referendum ha mostrato il contrario: c'è bisogno di regole condivise ed eque per gestire, il bene comune acqua in tutte le sue forme, così come l'immenso patrimonio formato da infrastrutture, aziende e servizi che presiedono all'erogazione e alla depurazione delle acque necessarie ai diversi usi.
Lo stato di salute dei corpi idrici lombardi segnala che la gestione sostenibile della risorsa è un traguardo ancora lontano. I molti spunti raccolti dal Rapporto rappresentano l'occasione per fare il punto su obiettivi , strumenti e investimenti necessari ad una gestione idrica efficiente e sostenibile, tenendo presenti i diversi aspetti: quantità e qualità, compatibilità degli usi, tutela degli ecosistemi, riduzione del rischio idrogeologico, sicurezza e salubrità degli approvvigionamenti, riqualificazione del paesaggio, sostenibilità economica del sistema.
Completo e accurato come sempre, il rapporto Ambiente Italia 2012 prende in considerazione gli impieghi dell’acqua in ambito domestico, agricolo, industriale e urbano. Inquinamento, sprechi, dispersioni e consumo eccessivo delle acque in bottiglia, ma anche le opportunità di occupazione e le innovazioni soprattutto nell’ambito della riduzione degli sprechi e degli impatti ambientali. Completano il rapporto numerosi dati relativi a indicatori socioeconomici, energia, mobilità, rifiuti, inquinamento, risorse naturali.

Programma della presentazione
Il rapporto Ambiente Italia 2012 - Giulio Conte, Istituto di Ricerche Ambiente Italia, curatore del rapporto

Dibattito
Modera: Alessandro De Carli, CERTeT Università Bocconi
Vittorio Biondi, Assolombarda
Marcello Raimondi, assessore all'Ambiente, energia e reti di Regione Lombardia 
Michele Papagna, presidente ACEA Onlus
Damiano Di Simine, presidente Legambiente Lombardia

Per informazioni:
Lorenzo Baio - 0287386480
l.baio@legambiente.org

"CAMPIONAMENTO DELLE ACQUE IN DIVERSI AMBIENTI E PER USI DIFFERENTI: tecniche e criticità"

Gruppo Scientifico Italiano Studi e Ricerche, Associazione senza fini di lucro impegnata da più di trent'anni nell'attività di formazione e divulgazione tecnico-scientifica, organizza la giornata di studio "CAMPIONAMENTO DELLE ACQUE IN DIVERSI AMBIENTI E PER USI DIFFERENTI: tecniche e criticità",il giorno giovedì 7 giugno 2012, presso il Doria Grand Hotel, Viale Andrea Doria, 22 Milano. 
Iniziativa:
Il campionamento costituisce la prima fase di ogni processo analitico che mira all’ottenimento della più esatta caratterizzazione possibile di una certa matrice ambientale. Perciò il campionamento costituisce una fase estremamente complessa e delicata che condiziona i risultati di tutte le operazioni successive, incidendo sull’incertezza totale del risultato dell’analisi. Risulta quindi necessario un continuo e proficuo aggiornamento sia tecnico che normativo sull’argomento. La giornata di studio che Gruppo Scientifico propone e che vede protagoniste personalità di comprovata autorevolezza nel settore, si suddivide in tre fasi principali: nella prima, dopo un’introduzione al quadro normativo, viene affrontato l’aspetto del campionamento delle ac! que in diversi ambienti. La seconda parte è dedicata alle metodologie di campionamento dell’acqua per usi differenti, fino ad arrivare all’ ai fattori critici che si incontrano nelle varie fasi del campionamento stesso.

 Alleghiamo il programma dell’evento e la relativa scheda di iscrizione (scaricabili anche dal sito www.gsisr.org), da inviare compilata via mail all’indirizzo gsisr@gsisr.org, o tramite fax al numero 02 26688035.
GSISRlist.sideranet.it/Allegati/CA/BROCHURE.pdf
GSISRlist.sideranet.it/Allegati/CA/SCHEDA ISCRIZIONE.doc

Ulteriori informazioni relative a questa ed altri eventi sono disponibili sul nostro sito www.gsisr.org

GSISR
Gruppo Scientifico Italiano Studi e Ricerche
Viale Lombardia 8, Milano
Tel. 02/23951356
Fax. 02/26688035
Cel. 335/221650
www.gsisr.org

martedì 29 maggio 2012

Tariffe Idriche Alla ricerca di una strategia efficace, equa e sostenibile



8 giugno 2012 - Isola di San Giorgio Maggiore, Venezia


La Fondazione Eni Enrico Mattei, nell'ambito dei progetti PREEMPT ed EPI-WATER, in collaborazione con ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) organizza presso l’isola di San Giorgio Maggiore una giornata studio sul tema delle tariffe idriche.
L’obiettivo è discutere e approfondire la situazione attuale a seguito dei referendum del 12-13 giugno 2011 e le prospettive future per le tariffe idriche in applicazione della Direttiva Quadro sulle Acque (2000/60/CE) che richiede che tutti i costi relativi al ciclo idrico integrato siano coperti dalla tariffa.

La giornata studio sarà suddivisa in due sessioni:
1. Sarà approfondito lo status quo del sistema tariffario, con riferimento in particolare ai referendum abrogativi del giugno 2011. Saranno analizzate sia le conseguenze dal punto di vista legislativo sia quelle applicative grazie all’intervento degli operatori del settore.
2. Saranno discusse alcune proposte e modalità d’intervento per superare l’attuale stato di empasse relativo agli investimenti e all’attuazione del ciclo idrico integrato. Saranno presentati i possibili scenari futuri per valutare le modalità di calcolo della tariffa o come adeguare il modello attualmente in uso.

Seguirà dibattito aperto al pubblico.

Un programma dettagliato dell'iniziativa sarà presto disponibile alla pagina: http://www.feem.it/getpage.aspx?id=4857&sez=Events&padre=79.

L'evento si svolgerà in italiano e la partecipazione é aperta ad un pubblico selezionato.

Eventuali richieste di partecipazione vanno indirizzate a: Angela Marigo, angela.marigo@feem.it

lunedì 28 maggio 2012

Al via la petizione on-line per promuovere la mobilità ciclabile sul Po!


Perché?
Perché il fiume Po è il più importante corridoio ecologico est-ovest della Pianura Padana …
… eppure non ha ancora raggiunto forme di valorizzazione e tutela soddisfacenti.

Perché il cicloturismo è un fenomeno sociale e culturale che si sta affermando sempre più anche come volano per lo sviluppo economico delle comunità locali e come elemento che migliora la qualità della vita delle persone che lo praticano e delle comunità che lo ospitano
 … eppure sul Po lombardo non è stato ancora attivato un vero e proprio sistema di percorsi ciclabili.  

Perché in Europa esistono 14 itinerari ciclabili transnazionali, con uno sviluppo complessivo di oltre 70.000 km, con un potenziale economico annuale per l’intero network europeo stimato intorno ai 54 miliardi di Euro
… eppure non sempre vengono destinate alla rete di infrastrutture ciclabili e ai servizi connessi adeguate risorse o assai modeste rispetto a quelle richieste da molti altri investimenti assai meno produttivi e caratterizzati invece da un alto impatto ambientale – con un notevole danno economico per le comunità locali.
… e allora firma anche tu la petizione!

Aiutaci a chiedere alla Regione e alle Province di attivarsi per rendere al più presto ciclabili e in sicurezza gli argini del Po: insieme cominciamo a fare il primo passo verso la promozione del turismo dolce amico dell’ambiente e delle comunità locali.

La petizione si può firmare …
direttamente on-line oppure presso i nostri banchetti informativi allestiti in occasione dei nostri eventi!


--
____________________________________
Segreteria
Uomo e Territorio PRO NATURA
Sede Legale
Via Elba 14
20144 Milano

E-mail segreteria@uomoeterritoriopronatura.it
Sito web www.uomoeterritoriopronatura.it

OASI AMBIENTALE DI PIAZZA CASTELLO


Riprendono le iniziative del circolo Legambiente di Monza per promuovere l'oasi ambientale realizzata, a Monza, alla confluenza del Lambro con il Lambretto.

L’appuntamento è per: domenica pomeriggio 3 Giugno, dalle ore 15,00 alle 18,00 all’ingresso posto in Piazza Castello.

L’iniziativa verterà sull’osservazione dell’avifauna presente lungo il fiume e nei boschetti circostanti.

Con il supporto di testi scientifici, audiovisivi, fotografie e disegni i visitatori potranno riconoscere le varie famiglie e specie di uccelli; saranno illustrate le loro caratteristiche e la loro funzione ecologica.
Il dott. Barattieri, del locale circolo ambientalista, presenterà le registrazioni dei canti degli uccelli e illustrerà come si utilizza questo strumento nelle campagne di censimento.
Ai più giovani”, precisa Atos Scandellari, presidente del circolo monzese, “sarà proposto il gioco: Sulle tracce di … Penne, resti di  pasto, nidi, impronte: gli animali lasciano molte tracce del loro passaggio e delle loro attività. Basta una  semplice esplorazione per rinvenire questi segni. Una presentazione all’inizio servirà a introdurre l’argomento: ai partecipanti saranno mostrati alcuni campioni”.


Per gli adulti sarà un’altra occasione per conoscere questo particolare angolo di Monza così ricco di testimonianze storiche e di valenze ambientali che sopravvive anche grazie al contributo del 5 x mille di molti cittadini.

I volontari del Circolo Legambiente di Monza saranno disponibili per accompagnare i visitatori ed illustrare gli obiettivi del lavoro in corso.


Per ulteriori informazioni: http://www.legambientemonza.org;  monza@legambiente.org



THE VILLAGE DOC FESTIVAL

"Ciar cumé l'acqua del Lamber", realizzato da Casba Film per Legambiente, è stato selezionato anche al THE VILLAGE DOC FESTIVAL di Milano!

http://www.thevillagedocfestival.com/it/tutti-i-film/2012/794-ciar-cume-l-acqua-del-lamber-chiaro-come-l-acqua-del-lambro.html

Il documentario sarà proiettato MARTEDI' 29 MAGGIO alle h 19,30 presso lo Spazio Seicentro, Milano, via Savona 99.

Ecco il programma del festival.
http://www.thevillagedocfestival.com/it/programma2012/giornate-conclusive.html

Amici milanesi e dei dintorni, non avete scuse, vi aspettiamo!!!

Casba Film
https://www.facebook.com/casbafilm
https://vimeo.com/user10351202

venerdì 25 maggio 2012

Bicipace 2012

Domenica 27 maggio  30ª Edizione di BICIPACE
tutte le informazioni su partenze e percorso a questo link

Bicipace quest’anno compie trentanni, ma l’ entusiasmo è sempre più travolgente. E come potrebbe essere diversamente! Centinaia e migliaia di colorate biciclette, bimbi, mamme, papà, tutti in sella, tutti a riprendersi la strada, tutti diretti alla colonia fluviale di Turbigo. Qui, accolti dalla banda di Borsano, vi aspetterà un bellissimo spazio sotto gli alberi, lungo il fiume, per un delizioso pranzetto con cibi naturali e a basso impatto ambientale. Poi relax , chiacchiere tra amici, musica, intrattenimento per bimbi, banchetti informativi. Questi i temi principali di questa edizione: Salva i Ciclisti, Taglia le ali alle armi, Restiamo Umani e Salviamo il Paesaggio Difendiamo i Territori. Per il ritorno, non vi preoccupate, se i vostri muscoli sono un po’ impigriti, è possibile rientrare in treno da Turbigo. E’ necessario prenotare il ritorno chiamando questo numero: 3334169293. Non ci sono più scuse, non vorrete lasciare la vostra bici, abbandonata tra le ragnatele, ancora in garage…. 

Per informazioni trovate il volantino allegato o su: http://bicipace.org Ritrovi: Nerviano - Piazza della Vittoria ore 9,15 - Parabiago Piazza del Comune ore 9,30. Vi aspettiamo!



giovedì 24 maggio 2012

Bicocca Green Day

L’Ufficio Mobility Manager dell’Università Bicocca, in collaborazione con il Centro di Ricerca POLARIS, organizza, il prossimo 24 maggio, il Bicocca Green Day. Il tema è "La sostenibilità della filiera alimentare: produzione, distribuzione, consumo, recupero, fine vita".
L'incontro avrà inizio alle ore 9,30 e si terrà presso l'Università degli Studi Milano Bicocca - Edificio U2, Aula 07 - Piazza della Scienza 3.

Durante la giornata sarà presente (in viale Innovazione angolo Padre Beccaro) un punto mobile di raccolta di Amsa (Cam) dove potranno essere conferiti piccoli Raee (Rifiuti da apparecchi elettrici ed elettronici) quali cellulari, pile, lampadine.


Scarica l'invito

Milano, la battaglia del bicchier d’acqua "Gratis e obbligatorio in bar e ristoranti"

Fa discutere la proposta del consiglio di Zona 3 che prevede l’obbligo per gli esercenti
“All’estero è già così, da New York a Tokyo e Parigi”. E fra i gestori c’è chi è favorevole
 



Una brocca d'acqua, magari con due cubetti di ghiaccio, rigorosamente del rubinetto: al bar, al ristorante e in tutti i locali pubblici, inclusi gli uffici comunali. L'idea parte dal consiglio di Zona 3, che con formale delibera chiede al sindaco che l'acqua potabile venga distribuita 'd'ufficio' assieme al coperto e al pane, con il caffè al banco o la coppa di gelato al tavolino: a volontà e gratis. Non un semplice invito agli esercenti, ma un obbligo inaggirabile. Il modello è all'estero: New York, Tokyo, Parigi, Vienna ma anche i locali più sperduti di Grecia e Spagna. Quando si entra al bar o al ristorante, prima ancora di prendere le ordinazioni, ti porgono un bicchiere d'acqua del rubinetto. E spesso, quando si accorgono che è finita, ti riempiono il bicchiere. A Milano, invece, 'l'acqua del sindaco' se proprio la si vuole bisogna ordinarla, non senza un senso di vergogna.

«Nessuno la nega, per carità, ma nemmeno la offre, preferendo vendere le acque in bottiglia» spiega Dario Monzio Compagnoni, presidente della commissione ambiente di Zona 3, spiegando che la normativa esiste già, «manca solo una formula affinché le regole diventino procedura in uso». Nata su iniziativa di un consigliere di Sel, Alessandro Papale, la mozione ora finita sul tavolo di Giuliano Pisapia è passata in Consiglio con voto negativo dell’opposizione, più incline a tutelare i commercianti: «I consigli di zona - si lamenta Alfredo Zini, presidente di Epam, associazione degli esercenti
- dovrebbero pensare ad altro. Quella della brocca d'acqua di rubinetto in tavola è una scelta, come regalare o meno il limoncello a fine pasto, c'è chi lo fa e chi no, ma non è la politica che deve decidere».

C'è chi invece vede il lato positivo: «Se diamo l'acqua gratis i clienti risparmiano e ci ordinano più vino e birra», spiegano al ristorante Grand'Italia in via Palermo. E Marcello Rossi, titolare dell'enoteca Polpetta Doc in via Eustachi, ammette: «Sono io il primo a bere dal rubinetto. Semmai è la gente che ha un pregiudizio verso l'acqua di Milano». Intanto i consiglieri di Zona 3 danno il buon esempio: alle riunioni niente bottiglietta sul tavolo, ma acqua di casa in borraccia per tutti.

Fonte: La Repubblica.it articolo di LAURA FUGNOLI 24 maggio 2012

Il documentario Ciar cumè l'acqua del Lamber partecipa al festival Cinemambiente di Torino


Concorso Documentari Italiani

Questo concorso è aperto a tutti i film documentari di produzione Italiana su tematiche ambientale prodotti negli ultimi due anni.
Premio al miglior documentario italiano offerto da CiAL € 3.000,00
Menzione Speciale LEGAMBIENTE  

mercoledì 23 maggio 2012

Legambiente soddisfatta per l’approvazione del Piano di Governo del Territorio

Milano, 23 maggio 2012                                                                                  Comunicato stampa


“Non è il PGT che avremmo scritto noi, ma finalmente Milano ha un Piano Urbanistico e delle regole, e questa è la novità più rilevante per ridurre i troppi arbitrii”

Adesso bisogna avere il coraggio di mettere mano ai troppi errori fatti in assenza di un PGT e dalle precedenti amministrazioni, a cominciare dal CERBA e dalle edificazioni in aree agricole

Legambiente esprime soddisfazione per l’approvazione del PGT di Milano votato ieri sera in Consiglio, a meno di un anno dall’insediamento dell’Amministrazione Pisapia: la prima preoccupazione dell’associazione era, infatti, legata al rischio che si dilazionassero le scadenze e che l’intera operazione finisse per essere rimandata a data da definirsi.

“Con le nostre osservazioni condivise con molte associazioni e discusse anche con il mondo delle costruzioni, abbiamo inteso fornire un forte contributo critico ai contenuti del PGT voluto dall’amministrazione Moratti – dichiara Damiano Di Simine, presidente Legambiente Lombardia - ora riteniamo che molte nostre critiche siano entrate nell’agenda urbanistica di Milano e di questo siamo riconoscenti all’amministrazione Pisapia. Ma non è questo l’aspetto principale: abbiamo sempre detto che la vera priorità fosse avere un piano, possibilmente buono, ma comunque un progetto urbano e un sistema di regole per impedire i troppi arbitrii che hanno caratterizzato la crescita disordinata di Milano negli ultimi decenni”.

Secondo Legambiente però nel nuovo PGT c’è ancora troppo cemento e troppo poco progetto di paesaggio urbano, e continua a mancare una visione di Milano come città metropolitana, immersa nel grande flusso di merci e di persone che contraddistingue una delle aree più densamente popolate d’Europa, con i rapporti tra centro urbano e hinterland ma anche con le relazioni di lunga gittata che Milano stabilisce con le altre metropoli europee. Si tratta di mancanze gravi e sostanziali, ma sicuramente molti danni sono stati limitati e soprattutto si è evitato di approvare un piano bulimico di volumetrie, con dimensioni concepite in un’altra epoca storica, quella che ha preceduto la grave crisi immobiliare in cui l’Europa si sta dibattendo.

“La profonda revisione sviluppata con l’accoglimento delle nostre osservazioni ha evitato che Milano avesse un piano già vecchio – insiste Di Simine - perché dimensionato su profili di speculazione immobiliare che, per fortuna, già  oggi sono diventati del tutto irrealistici e obsoleti”.  

Ma ci vorrà molto tempo e molto lavoro per cogliere gli effetti del nuovo PGT, perché il futuro di Milano è gravato da troppi problemi che fanno parte della scellerata storia urbanistica recente. Da Cascina Merlata alla viabilità di Expo, dai nuovi quartieri residenziali finto/popolari previsti nei campi agricoli di Pontelambro all’operazione immobiliare del CERBA: sono decine i programmi urbanistici sbagliati, concepiti al di fuori di ogni regola ma ormai approvati. Molti non si realizzeranno facilmente perché il mercato immobiliare è scoppiato, ma continueranno a pesare come gravi ipoteche e a consumare sui suoli agricoli, se non ci sarà il coraggio di metterli in  discussione.

“All’assessore De Cesaris chiediamo di continuare con la determinazione fin qui dimostrata – conclude il presidente di Legambiente Lombardia - purtroppo il PGT arriva tardi rispetto a decisioni urbanistiche estremamente problematiche già assunte dalle precedenti amministrazioni. Ma occorre che questa amministrazione abbia il coraggio di dire che il re è nudo, che quei progetti erano sbagliati e lo sono di più oggi a fronte della drammatica contrazione della domanda, come è il caso del CERBA o dell’Accordo di Programma per Cascina Merlata”.

L’Ufficio stampa Legambiente Lombardia
Mario Petitto 02 87386480

Chiostri in fiera

lunedì 21 maggio 2012

Di terra e di cielo

Nell'ambito della manifestazione "Di terra e di cielo", in corso di svolgimento a Varese, fino al 5 giugno - un'iniziativa curata da Legambiente, Lipu e Filmstudio 90 - martedì 5 giugno un appuntamento dedicato ai corsi fluviali e anche al fiume Lambro.

Alle ore 21, presso la Sala Montanari a Varese, è in programma la proiezione del film "Amare le acque e chiamarle per nome" di Marco Tessaro, Italia 2011, 30’. Il documentario affronta il tema della rivoluzione industriale, quale elemento che modifica il rapporto tra l'uomo e l'acqua, intesa come risorsa ambientale fatta di laghi, fiumi e corsi d'acqua minori: come ricucire la frattura tra uomo e acqua?
A seguire verrà proposto il documentario "Ciar cumè l'acqua del Lamber" (Chiaro come l'acqua del Lambro) realizzato da Elena Maggioni, Hulda Federica Orrù e Carlotta Marrucci. Il lungometraggio, promosso nell'ambito del Contratto di Fiume Lambro Settentrionale, ha avuto il sostegno di:
  • Regione Lombardia - DG Ambiente, Energia e Reti;
  • Fondazione Cariplo;
  • Tasm;
  • CapHolding;
  • Brianzacque;
  • Amiacque.
Un viaggio di 130 km per raccontare la vita che scorre lungo il Lambro e scoprire dove e quando l'equilibrio fra l’uomo e questo fiume si è spezzato. Un viaggio attraverso i ricordi di chi vive lungo le sponde del fiume, nei quali è possibile trovare anche una speranza per il futuro.

Scarica tutto il programma

Corso di formazione in diritto ambientale “L'Attività di Polizia Giudiziaria in campo ambientale”

Giovedì 31 maggio 2012
Auditorium comunale 'Peppo Ferri'
via Roma, Gorla Minore (VA)

PROGRAMMA:
Ore 9.00       Registrazione dei partecipanti

Ore 9.30      Sindaco Giuseppe  Migliarino, saluti dell'Amministrazione Comunale
                   Dott. Francesco Dettori, Procuratore Capo della Repubblica presso il Tribunale di Busto Arsizio, introduzione ai lavori 
       
Ore 9.45       Sergio Cannavò, Responsabile Ambiente e Legalità Legambiente Lombardia Onlus
Il  contributo  delle  associazioni  ambientaliste  e  delle  polizie  locali  nel contrasto all'illegalità ambientale

Ore 10.30     Comandante   Dott.   Davide    Corbella,   Responsabile   Sezione   Polizia Giudiziaria  –  Aliquota  Reati  contro  l’Ambiente  e  Salute  della  Procura  della Repubblica presso il Tribunale di Busto Arsizio
La predisposizione delle comunicazioni notizia di reato, la ricerca della prova anche in ordine all’elemento oggettivo, le misure reali, i contatti con  il  P.M.,  la  collaborazione  tra  la  Polizia  Locale,  le  altre  FF.OO,  gli Uffici  Tecnici  Comunali,  il  ruolo  di  coordinamento  della  Procura  della Repubblica,    casi    pratici    ed    esemplificativi,    il    ruolo    dei    liberi professionisti, la cultura della Legalità

Ore 12.30     Buffet freddo

Ore 14.30     Dott.ssa Raffaella Zappatini, Sostituto Procuratore della Repubblica presso
il Tribunale di Busto Arsizio
L’attività investigativa nelle materie di competenza della Polizia Locale e degli Uffici Tecnici Comunali

Ore 16.00     Cancelliere  Antonina  Giovanna  Savarese,  Cancelliere  in  servizio  alla
Procura della Repubblica presso il Tribunale di Busto Arsizio
La segreteria del Pubblico Ministero, i contatti, assistenza con la polizia Giudiziaria, registrazione della notizia di reato ed i seguiti

Ore 17.00     Dibattito
Ore 18.00     Conclusioni

Segreteria:
Legambiente Varese
Tel e Fax: 0332 812059
Mail: legambientevarese@virgilio.it 
per ulteriori informazioni Flavio Castiglioni: flacast5@gmail.com / 335 5463960

Lettera di presentazione

Scheda d'iscrizione

Programma del corso

giovedì 17 maggio 2012

L'acqua del sindaco è buona per tutti. Due appuntamenti sull'acqua dedicati a tutte la comunità

Legambiente promuove due appuntamenti dedicati alla diffusione dell'acqua del sindaco a 360°

Sabato 19 maggio ore 15.00 presso l'enoteca Ligera di via Padova 133, incontro pubblico del progetto "L'Abbiamo Imbroccata" in occasione della festa "Via Padova è meglio di Milano".


Scarica la locandina

Giovedì 24 maggio ore 21.00 presso Villa Pallavicini in via Meucci, 3, incontro pubblico in collaborazione con Consiglio di Zona 2 per presentare i materiali comunicativi dedicati alle comunità della zona.

Scarica la locandina

mercoledì 16 maggio 2012

IL PARCO DEL LURA FESTEGGIA LA GIORNATA EUROPEA DEI PARCHI IL 27 MAGGIO

Sono passati più di cento anni da quando in Svezia, il 24 maggio 1909, fu istituito il primo Parco naturale d’Europa. Nell’ambito di questa ricorrenza, indetta da Europarc (Federazione Europea dei Parchi) e Federparchi, il Consorzio Parco del Lura ha organizzato due eventi che si svolgeranno durante la mattinata di domenica 27 maggio.
A Cadorago si svolgerà “Bimbimbici”, una pedalata cittadina organizzata con il supporto dell’associazione “Scelte possibili” e patrocinata dal Comune di Cadorago. La biciclettata, promossa da FIAB (Associazione Italiana Amici della Bicicletta) è aperta a tutti, in particolare ai bambini delle scuole elementari. Il ritrovo è previsto alle ore 9.30 nella sala civica di Piazza Zampiero, dove verrà proiettato il filmato “Un percorso tra le scuole”, che vede protagonisti i bambini delle classi quarte delle scuole primarie di Cadorago e Caslino al Piano. Successivamente avrà inizio la pedalata fino al laghetto Pasquè, passando per le tre scuole presenti sul territorio comunale. Durante il tragitto i bambini che parteciperanno potranno “colorare” i tratti ciclabili presenti lungo alcune strade comunali. La partecipazione è libera e gratuita e sotto la responsabilità dei partecipanti; i minori devono essere accompagnati ed è consigliato l’uso del casco.
L’obiettivo è quello di porre l’attenzione sulla mobilità ciclistica nell’ambito del Progetto “VELU”, volto ad incrementare gli spostamenti in bicicletta casa-lavoro e casa-scuola all’interno dei Comuni del Parco.

Un’ulteriore iniziativa proposta durante la Giornata Europea dei Parchi consiste nell’apertura del Centro per la Biodiversità del Parco del Lura, situato nell’area dell'ex-depuratore di Lomazzo, tra via Brianza e la S.P. 32 (via Monte Rosa) e raggiungibile a piedi o in bicicletta percorrendo l’itinerario principale del Parco.
Come ogni ultima domenica del mese, da marzo a settembre, il Centro per la Biodiversità sarà aperto al pubblico dalle ore 9.00 alle ore 12.00 grazie ai volontari dell’Associazione “Il Gelso Gerenzano”, in base a una convenzione attivata con il Consorzio Parco del Lura.
La finalità è quella di comunicare ai fruitori dell’area protetta le funzioni del Centro, dove vengono concretizzati numerosi programmi di conservazione di habitat e specie. Sarà infatti possibile osservare il luogo adibito alla riproduzione di specie di valore conservazionistico (tra le quali anfibi come la Rana di Lataste e il Tritone crestato), oltre al percorso didattico-botanico focalizzato sugli ambienti e le specie vegetali presenti nel Parco.

lunedì 14 maggio 2012

Architetture nel sottosuolo: riapertura del Rifugio antiaereo N° 87 e mostra documentaria sull’acquedotto cinquecentesco della Valle di Susa



Grazie all’interessamento e alla disponibilità della Scuola Elementare "Giacomo Leopardi", a Milano si riapre il Rifugio Antiaereo N° 87. Si vuole così ridare un messaggio agli alunni della scuola, alle loro famiglie e alla città di Milano: il reale ricordo del passato e la cultura sono le basi della società civile. La riapertura del rifugio antiaereo desidera essere un monito ad impegnarsi per una civiltà improntata sul rispetto reciproco e sulla non belligeranza. In caso contrario la struttura sotterranea indica a noi tutti dove andremo a passare il nostro tempo in caso di guerra: sotto terra, nei rifugi antiaerei.
Con la riapertura degli spazi sotterranei si inaugura la Mostra documentaria sull’Acquedotto Colombano Romeàn (XVI sec.) situato in Valle di Susa. Si tratta di un acquedotto tutt’oggi funzionante, con un tratto sotterraneo di alcune centinaia di metri che sottopassa la Cima Quattro Denti, portando l’acqua in Valle. È un’opera fatta realizzare ai primi del Cinquecento dai Valligiani che da millenni abitano quelle terre, per irrigare i coltivi ed avere di che sostentarsi. Non è quindi assimilabile ai lavori della TAV, avviati in Valle, e all’opera repressiva operata contro chi difende la propria Terra, la propria tradizione, i propri valori culturali e la propria famiglia. Si lascino a casa le tessere di partito e le bandiere del politico di turno, come hanno fatto i Valligiani: qui si tratta di capire che cosa ci ha lasciato il passato, in termini architettonici e culturali, affinché noi si possa affrontare a testa alta il futuro.
Inaugurazione: venerdì 18 maggio, ore 15.00
presso la Scuola Giacomo Leopardi, Viale Bodio n. 22, Milano
Rifugio N° 87 e Mostra rimarranno aperti fino all’8 giugno 2012
Ingresso Gratuito
Orari d’apertura nei soli giorni feriali: 15.00 – 18.00
Sabato e Domenica chiuso

giovedì 10 maggio 2012

Percorsi verdi la mostra sul verde a Sesto e tante, tante iniziative verdi

All’Urban center e in tutta la città, una grande rassegna di eventi ad alta densità verde.
Una mostra dedicata al verde sestese e tanti incontri  per parlare di parchi, orti, microgiardini, giardini storici. L’occasione per inaugurare insieme giardini rimessi a nuovo e suggestivi allestimenti, per partecipare a una scampagnata in bicicletta e a spettacoli teatrali all’aperto.
I protagonisti? Architetti, paesaggisti famosi, green designer, esperti di verde storico... e soprattutto voi,
cittadini e gruppi, che il verde lo praticate, lo amate  e lo fate crescere giorno dopo giorno.

All'interno del programma il 14 giugno alle ore 20.30 verrà proiettato il documentario "Ciar cumè l'acqua del Lamber" e seguirà il dibattito "Mal di fiume" con Damiano Di Simine, presidente di Legambiente Lombardia e Luca Ceccattini del Plis Media Valle Lambro

Vi aspettiamo.

Tutti gli aggiornamenti su www.sestosg.net

Scarica tutto il programma

Incontri d'autore a Briosco: nuova proiezione del documentario "Ciar cumè l'acqua del Lamber"


Venerdì 8 Giugno - ore 21
CAPRIANO - Chiesina dei Morti


Elena Maggioni, Hulda Federica Orrù, Carlotta Marrucci presentano "CIAR CUME L'ACQUA DEL LAMBER". Documentario alla scoperta del nostro fiume lungo i 130 km del suo percorso, dalla sorgente alla foce.


Allieterà la serata Francesco Magni con la Trilly Band.


Ingresso libero. Salame& Birra del Birrificio Menaresta di Carate

martedì 8 maggio 2012

Bicicliamo 2012 - in bicicletta scorrazzando nel bacino dell'Olona

Legambiente organizza una serie di eventi  per  la  promozione  del  cicloturismo  in  Italia  e per un nuovo modo di vivere il territorio, utilizzando come mezzo di trasporto  la  bicicletta e integrando  diverse  tematiche:  mobilità  sostenibile,  riscoperta del territorio e dei fiumi, parchi naturali e monumenti dimenticati.



venerdì 4 maggio 2012

Costi alti e tempi lunghi per sistemare la frana

Il sindaco Guido Colombo spiega che sarà necessario deviare le acque del depuratore: la condotta è crollata insieme al costone.
immagine di separazione
Due abitazioni inagibili, una strada chiusa, la condotta del depuratore distrutta. I duemila metri cubi di ghiaia, sassi e terra che si sono staccati dal costone di Porto della Torre preoccupano, a Somma Lombardo: «L'intervento per sistemare tutto costerà più di un milione di euro» azzarda il sindaco Guido Colombo, che ad oggi non può fare nessuna previsione sulla riapertura al traffico (di pedoni e ciclisti) della storica strada del Panperduto, lungo il fiume Ticino.

Secondo le indagini iniziali, la causa della frana sarebbe legata legata alla condotta delle acque che dal depuratore scende al Ticino: «C'erano state perdite già in passato» dice il sindaco, «pochi mesi avevamo approvato il progetto per sanare la condotta, ma le risorse necessarie sono molto consistenti. C'erano progetti precedenti in ballo da 4 anni,  mai finanziati dalla Regione». Proprio su questo aspetto punta il dito l'opposizione, che aveva chiesto anni fa di programmare l'intervento. Già a novembre c'era stata una prima caduta di materiale sulla strada in pavé che collega lo spiaggione del Lido alla diga Panperduto. L'erosione del costone sarebbe iniziata dalla condotta e sarebbe stata approfondita dalle acque di precipitazione, fino al temporale violento di martedì sera e al crollo: «Il maltempo ha minato la "cameretta" superiore della condotta, facendola crollare. Da lì si è innescata la frana».

Le foto della frana e l'intervento dei Vigili del Fuoco


E ora? La situazione è problematica, per diversi fattori: due case in via Belvedere sono state dichiarate inagibili, in una viveva una famiglia che è sfollata (ma solo per poche ore ancora: fino alla fine delle verifiche). Poi c'è la questione del materiale - soprattutto alberi - caduto nel Ticino, che potrebbe causare problemi alla diga del bacino del Panperduto, che regola l'immissione delle acque del fiume azzurro nel canale Industriale e Villoresi: da questi canali cui dipendono l'alimentazione della centrale elettrica di Turbigo e l'irrigazione dell'alta pianura tra Alto Milanese, Brianza, fino all'Adda: da questo punto di vista, però, il Consorzio Villoresi assicura che il grosso del materiale è stato già rimosso.

Come si procede? «Si sta mettendo già in sicurezza la parte superiore, il ciglio della frana. Sotto invece il problema non è da poco: 2000 metri cubi di inerti (peraltro di ottima qualità)». Per intervenire, dice ancora Colombo, «bisogna prima trasferire la caduta dell’acqua di depurazione: Amsc, che gestisce il settore idrico sta pensando a come deviare». C'è anche il problema che in quella condotta confluiscono non solo le acque depurate ma anche quelle "di sfioramento", le acque piovane che eccedono la capacità del depuratore.
Oltre al punto specifico, poi, bisognerà pensare ai tratti immediatamente a monte e a valle, per verifiche. Anche se il sindaco dice che la zona del Lido rimane perfettamente sicura.

Fonte: Varesenews, articolo di Roberto Morandi del 3/05/2012

giovedì 3 maggio 2012

Proiezione del documentario Ciar cumè l’acqua del Lamber


Proiezione del documentario
Ciar cumè l’acqua del Lamber
(Chiaro come l’acqua del Lambro)

saranno presenti le autrici: Federica Orrù e Elena Maggioni
presentazione a cura di
Lorenzo Baio - Legambiente Lombardia

Giovedì 17 maggio 2012 ore 21

Centro Sociale Polifunzionale

piazza Conciliazione 42 - Albiate

INGRESSO LIBERO E GRATUITO



Per informazioni 0362932442 albiate@brianzabiblioteche.it

mercoledì 2 maggio 2012

Proiezione del documentario "Ciar cumè l'acqua del Lamber" alla Cascina Cuccagna

Expo Days. Milano mette il mondo a tavola

Dal 30 aprile al 6 maggio inaugura una settimana all'insegna di Expo Milano 2015. Un ricco cartellone di eventi dedicati al tema della nutrizione disseminati per la città - oltre 80 convegni, spettacoli e performance, 11 cascine aperte, iniziative per bambini - promosso dal Comune di Milano e da Società Expo 2015 S.p.A.. EXPO DAYS è un progetto partecipato che mette in rete tutti soggetti e le realtà attive sul tema del cibo e della nutrizione. Ecco in anteprima il programma di Cascina Cuccagna per Expo Days.


SABATO 5 MAGGIO

- dalle 10 alle 16 - Laboratorio teatrale per bambini in collaborazione con Atir - Teatro Ringhiera, a cura del Gruppo Baramapà (posti limitati, prenotazione necessaria su: baramapà@gmail.com).

- dalle 14.30 alle 19.30 - Ciclofficina Cuccagna

- ore 15:30, orto-giardino della Cuccagna - Sex in the Garden. Laboratorio sulla riproduzione nel mondo vegetale, un incontro-percorso guidato dal prof. Claudio Longo dell'Università degli studi di Milano, a cura del Gruppoverde. (Quota di partecipazione 5 euro. Il laboratorio si chiuderà con una merenda di torte artigianali offerta dal Gruppo. Info: gruppoverde@gmail.com).

- Workshop di cucina in collaborazione con un Posto a Milano con cucina e degustazione di erbe selvatiche e aromatiche. Costo 5 euro. Posti limitati. Info e prenotazioni su info@cuccagna.org

- ore 18:30, Sala Lettura - A Scuola con il Contadino. Incontri e laboratori con agricoltori per scoprire come nasce il cibo, a cura di Nostrale. Tema del giorno: le verdure. Antonio Corbari racconterà come coltivare gli ortaggi in maniera biologica e completamente naturale, tutti i segreti per riuscire a raccogliere i frutti della terra senza sostanze di sintesi. (Costo di partecipazione: 7 euro. Info: fattoria@nostrale.it).

- Ore 20.30, Galleria (Primo Piano) - Proiezione del film Ciar cumè l'acqua del Lamber (Chiaro come l'acqua del Lambro), prodotto da Legambiente e realizzato da Elena Maggioni, Hulda Federica Orrù e Carlotta Marrucci. Alla proiezione saranno presenti i registi.


Per vedere il programma di tutte le giornate:
http://www.cuccagna.org/portal/IT/news/view.php?id=361

Presentazione del libro "Il mio libro sei tu"

TAVOLO ARIA: INCENTIVI DI REGIONE LOMBARDIA NON GARANTISCONO RIDUZIONE INQUINAMENTO

Milano, 15 Ottobre 2019                                        Comunicato stampa TORNANO A SALIRE I LIVELLI DI POLVERI SOTTILI NELL’ARI...