lunedì 21 dicembre 2015

Novità decreto rinnovabili elettriche: è allarme per il mini-idroelettrico


Una modifica introdotta nell'ultima bozza esclude dall'accesso diretto molti impianti mini-hydro sotto i 50 kW: una novità che mette in una situazione critica moltissime imprese con progetti già avviati. Circa un centinaio le aziende a rischio secondo il CPEM, che chiede una clausola di salvaguardia.
Una modifica introdotta nell’ultima versione della bozza Decreto Rinnovabili non fotovoltaiche rischia di portare al fallimento numerose imprese operanti nel mini-idroelettrico. L'allarme viene rilanciato dal CPEM, il consorzio dei produttori di energia da minieolico, in una lettera inviata ai ministeri competenti (in allegato in basso). La novità, escludendo dall'accesso diretto agli incentivi molti progetti già avviati di piccoli impianti, metterebbe in difficoltà circa un centinaio di aziende e per questo l'associazione chiede una clausola di salvaguardia.
Impianti idroelettrici “normali” sotto ai 50 kW esclusi dall'accesso diretto
La novità contestata interessa la lettera b), comma 3, articolo 4 del decreto così come uscito dalla Conferenza Stato-Regioni. Nella sua versione originaria (vedi allegati in fondo), passata senza modifiche per varie revisioni fino alla Conferenza, si stabiliva che potessero accedere direttamente all'incentivo tutti gli impianti idroelettrici di potenza nominale di concessione fino a 50 kW.
La soglia per l'accesso - si indicava nella vecchia versione - passava a 250 kW per gli impianti che rientrano in un elenco di casistiche particolari, a ridotto impatto ambientale: tra le quali ad esempio gli impianti realizzati su condotte esistenti senza aumentarne la portata. Si confermava in sostanza quanto previsto dal decreto attualmente in vigore, il DM 6 luglio 2012.
Nella versione del decreto uscita dalla Stato-Regioni la modifica: la nuova bozza stabilisce l'accesso diretto solo per gli impianti, fino a 250 kW, che rientrano nelle casistiche elencate: ad esempio quelli realizzati su canali artificiali o condotte esistenti, senza incremento né di portata derivata dal corpo idrico naturale, né del periodo in cui ha luogo il prelievo, quelli che utilizzano acque di restituzioni o di scarico di utenze esistenti e altri casi.
In pratica si toglie l’accesso diretto, e quindi nei fatti la tariffa, per gli impianti idroelettrici “normali” sotto i 50 kW.
Incertezza normativa e imprese a rischio
“Gli operatori che in base alla normativa vigente hanno avviato cantieri, firmato contratti con i fornitori, ottenuto finanziamenti bancari per progetti sotto i 50 kW non sarebbero più in grado di rispettare gli impegni presi”, denuncia Carlo Buonfrate, presidente del CPEM nella lettera in cui si parla di circa 100 aziende che si troverebbero in questa situazione.
Osservazioni molto simili a quelle che faceva, commentando la novità sul piccolo idro nella nuova bozza, Alessandro Visalli, del Coordinamento FREE. “Questa modifica - scriveva Visalli - induce, se accolta, un ulteriore grado di incertezza e dà continuità alla pratica di modificare le regole vigenti con costanti effetti retroattivi che ha l'effetto di rallentare e scoraggiare gli investimenti nel settore.”
Infatti, aggiunge Visalli, “si deve aver presente che l'attuale sistema di incentivazione impone un grave rischio a carico degli investitori, che sono tenuti a programmare le iniziative sulla base delle norme vigenti all’epoca, quindi avviarle alle prescritte autorizzazioni (che possono, in alcuni casi, essere anche molto lunghe e onerose), poi finanziarle e realizzarle e, solo dopo, richiedere l’accesso agli incentivi una volta che l’impianto è 'in esercizio'. Ciò significa che tra la programmazione e l’avvio dell’istruttoria per l’ammissibilità agli incentivi da parte del GSE (che può anche avere esito negativo), possono passare mesi o anni.”
Si chiede una clausola di salvaguardia
Nella lettera il CPEM pur “non capendo il motivo” dell'esclusione dall'acceso diretto dei piccoli impianti idroelettrici “normali”, prende atto della decisione, ma chiede “che agli operatori che hanno sin qui seguito la normativa sia almeno dato il tempo di adeguarsi alle nuove regole, prevedendo una clausola di salvaguardia che permetta il completamento degli investimenti in corso.”
La clausola di salvaguardia, “da inserire nel Decreto Rinnovabili o in alternativa nelle procedure applicative che il GSE deve redigere”, secondo l'associazione, deve garantire l’accesso diretto agli impianti coinvolti per un periodo sufficiente a completare i lavori in corso alla data di entrata in vigore del nuovo Decreto.

Nessun commento: