mercoledì 16 dicembre 2015

La Regione blocca i provvedimenti antismog nei giorni dello sciopero del trasporto pubblico

Milano, 15 dicembre 2015                                                                                      Comunicato stampa


Legambiente: “Inaccettabile, le fasce di garanzia ci sono, non capiamo il motivo di questo provvedimento”

Se la regione non pensa ai nostri polmoni lo facciano i cittadini: lasciamo a casa l’auto

“E’ inaccettabile, sono oltre 10 giorni che i livelli di PM10 sono fuori dai limiti e i nostri polmoni respirano solo smog, e la Regione cosa fa? Sospende per ben due giorni, per i comuni di fascia 1 e 2 (quindi oltre 500 campanili), i blocchi della circolazione per le auto più inquinanti”. Così Legambiente in merito alla circolare della Regione Lombardia che motiva la decisione con l’avvicendarsi di due scioperi indetti per il trasporto pubblico. “Ricordiamo alla Regione che durate gli scioperi sono assicurate le fasce di garanzia con treni garantiti per i pendolari che devono recarsi a lavoro o all’università, e in particolare lo sciopero di mercoledì sarà solo di 4 ore e giovedì saranno garantiti i treni dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21. Non c’è proprio nessuno bisogno quindi di sospendere prevedimenti assolutamente necessari in casi di emergenza da smog come quello che stiamo vivendo in questi giorni, solo ieri a Milano i livelli di PM10 hanno toccato i 90 microgrammi per metro cubo (il limite è 50). E chi deve fare shopping per Natale? "Per due giorni di sciopero crediamo nessuno correrà il rischio di rimanere senza regalo sotto l’albero di Natale”. Dichiara Barbara Meggetto, presidente Legambiente Lombardia".

“Invece di dare soldi per la gratuità di Pedemontana, la Regione proponga sconti per i treni per invogliare i cittadini ad utilizzare di più il trasporto pubblico locale durante giorni di forte inquinamento. Ancora una volta da Palazzo Lombardia ci si dimostra non attenti ai problemi legati allo smog e alla salute dei cittadini. Se il provvedimento non verrà bloccato chiediamo agli automobilisti di mandare un forte segnale di responsabilità che evidentemente manca ai nostri amministratori regionali: lasciate a casa l’auto perché ai nostri polmoni ci teniamo”.

L’ufficio stampa Legambiente Lombardia 0287386480

Nessun commento: