mercoledì 2 marzo 2016

Fase della realizzazione per “L’Olona entra in città”


Dopo la fase dello studio di fattibilità e i passaggi progettuali il progetto entra nel vivo

Fase della realizzazione per “L’Olona entra in città”
Il progetto “L’Olona entra in città” passa alla fase tre della realizzazione degli interventi individuati nella prima fase, che ha prodotto lo Studio di Fattibilità a partire dalle analisi territoriali e ambientali per individuare la priorità e le possibili azioni di ripristino delle connessioni ecologiche con le adiacenti aree protette (Parco del Roccolo al Parco Agricolo Sud Milano), e che sono stati sviluppati nella successiva fase di progettazione, in collegamento con ERSAF (Ente Regionale per i Servizi all'Agricoltura e alle Foreste) incaricata di sviluppare per conto di EXPO 2015 gli interventi di compensazione ecologica.
Ora il gruppo di lavoro del progetto Cariplo, che ha presentato la nuova fase in una conferenza stampa, è giunto infine alla fase di vera realizzazione.
In particolare sono appena iniziati gli interventi di ripristino ambientale progettati e realizzati da ERSAF all’altezza del Molino Prepositurale. Alla pulizia dalle specie esotiche e di decine di tonnellate di rifiuti accumulati nel tempo e presenti lungo le rive del fiume Olona, seguirà la piantagione di 8000 tra alberi e arbusti appartenenti a specie autoctone, a formare siepi e filari (nello specifico si tratta di 7300 piante forestali, 600 piante sviluppate, che verranno utilizzate per realizzare 1 Km di nuove siepi e nuovi boschi per 2,7 ettari, per la riqualificazione forestale altri 1,8 ettari, oltre alla riqualificazione di 5,7 Km di corsi d’acqua), il ripristino della roggia molinara e lo scavo del riale storico che porterà l’acqua ai campi a sud del Molino e all’area umida anch’essa da realizzare.
A seguire, nei prossimi mesi, sempre ERSAF eseguirà la piantumazione di aree private a nord dell’imbocco del Canale Scolmatore di Sud Ovest creando un vero e proprio bosco misto, casa per la biodiversità locale.
Temporalmente a seguire partiranno gli interventi finanziati da Fondazione Cariplo e promossi dai partner di progetto che sono i Comuni di Rho e Pregnana M.se e Legambiente Lombardia con il supporto del Distretto Agricolo della Valle Olona (DAVO) e del Consorzio Fiume Olona. Tali interventi, che coinvolgono sempre il territorio del Parco del Basso Olona, prevedono invece la creazione di nuovi habitat naturali per la fauna autoctona, la riqualificazione forestale lungo il Canale scolmatore e a scendere fino alla frazione di Lucernate, la creazione di un sottopasso faunistico sotto via Pregnana, ma soprattutto la riqualificazione della testa del Fontanile Serbelloni e della cava limitrofa con l’aggiunta di nuovi elementi forestali e di prati fioriti.

Nessun commento: