martedì 13 ottobre 2015

Milano incontra Essen, Green Capital Europea 2017



Milano, 13 ottobre 2015                                                                                        

COMUNICATO STAMPA

La città tedesca presenta la sua strategia di adattamento climatico
Al centro delle città del futuro? La gestione delle acque di pioggia

Milano come Essen? E’ la sfida che Legambiente e Gruppo CAP lanciano da Expo immaginandosi, anche per la nuova Città Metropolitana, un cambio di passo nella gestione delle acque come quello che ha consentito a Essen, grande centro nella metropoli della Ruhr di ottenere dalla Commissione Europea il riconoscimento di European Green Capital 2017, come ha spiegato questa mattina la vicesindaca Simone Raskob nel convegno promosso da CAP e Legambiente a Cascina Triulza in Expo. Il programma ambientale della città tedesca che ha maggiormente impressionato la giuria prevede di gestire in maniera differenziata l'acqua di pioggia, a partire da un primo obiettivo che fissa al 15% la quota di acque piovane da sottrarre al sistema misto di fognature da qui al 2020. Lo sforzo sarà quello di trovare le soluzioni innovative capaci di permettere a queste acque di arrivare in falda o di essere recapitate ai corsi d’acqua naturali senza sovraccaricare il sistema dei collettori e dei depuratori, e dilazionandone la restituzione così da attenuare le piene fluviali e i connessi rischi di esondazione. Fra le soluzioni adottate c'è lo sviluppo di infrastrutture verdi urbane, che affiancano alla tradizionale funzione del verde, pubblico e privato, anche la gestione delle acque piovane con soluzioni quali il ricorso a trincee drenanti, tetti verdi, bacini di ritenzione, rinaturalizzazione, scopertura ed espansione dei corsi d'acqua.

“Quello tra le città e la gestione delle acque è sempre stato un rapporto delicato – dichiara Alessandro Russo, presidente CAP Holding - tanto più oggi che dobbiamo pensare al superamento degli stretti confini amministrativi per un approccio su scala di bacino, costruendo un vero smart land. Un territorio intelligente in cui i temi dell’acqua possano essere affrontati in modo integrato. Da parte nostra – continua Russo – in qualità di gestore del servizio idrico affermiamo da tempo che siamo pronti ad occuparci per esempio delle acque meteoriche, la cui gestione oggi è parcellizzata fra troppi enti diversi. L’esempio di Essen è illuminante: si tratta di un’area urbanizzata che per dimensioni e densità è molto simile alla nostra e rappresenta senz’altro un modello stimolante”.

Oggi la sfida è quella di governare i processi di trasformazione urbana progettando un'infrastruttura idrica intelligente e diffusa, che trattenga le acque piovane, le gestisca, ne contempli il riutilizzo per usi compatibili, crei nuovi paesaggi urbani che assecondino e moderino i deflussi. Il tema non è solo quello di 'contenere' le acque attraverso la proliferazione di vasche e bacini artificiali, ma di introdurre i concetti di resilienza idrica nei criteri di progettazione ed esecuzione di edifici, quartieri, e soprattutto nella rigenerazione di intere parti di città, riducendo l'impermeabilizzazione delle superfici e consentendo di gestire in modo efficace ed ecologico la circolazione idrica, ed aumentando la sicurezza a tutto beneficio dei cittadini, rispetto ai rischi connessi ai fenomeni climatici estremi.





“Occorre disegnare un progetto delle acque di città che sia capace di rispondere in modo non rigido agli impulsi meteoclimatici, garantisca miglior efficienza d'uso della risorsa e una superiore qualità delle acque restituite ai corpi idrici – insiste Damiano Di Simine, presidente Legambiente Lombardia -. Per questo oggi prendere esempio da città virtuose come Essen è prioritario per un’area come quella metropolitana di Milano, che ad ogni fenomeno di pioggia intensa vede allagarsi i propri quartieri proprio a causa della pervasiva cementificazione e impermeabilizzazione dei suoli e delle aree fluviali. Occorre un ripensamento degli approcci ingegneristici puri con cui fino ad oggi si sono disegnate le reti scolanti, e per farlo bisogna pensare alle città come organismi complessi e capaci di adattarsi al clima che cambia: per questo non basta più pensare di gestire lo smaltimento delle acque solo realizzando tubi che scaricano verso i comuni a valle, l'acqua deve essere invece trattenuta, gestita, e se possibile utilmente impiegata”.


Ufficio Stampa Gruppo CAP                                                        
Ufficio stampa Legambiente Lombardia 


Scarica la presentazione di Essen

Nessun commento: