lunedì 14 settembre 2015

Con una lettera aperta al Consiglio Regionale Legambiente chiede una legge istitutiva per il grande parco di cintura

Milano, 14 settembre 2015                                                    Comunicato stampa


Sì al parco metropolitano, ma senza 'buchi' alla tutela del Parco Agricolo Sud Milano

Il consiglio regionale lombardo sta affrontando le fasi finali della discussione della legge di riordino delle competenze per l'area metropolitana. Nelle pieghe di questa importante norma ci sono anche i parchi: la norma infatti prevede l'accorpamento in un unico ente delle due aree protette regionali più strategiche per la cintura verde metropolitana: il piccolo Parco Nord e il grande Parco Agricolo Sud Milano, o almeno quello che ne resta dopo l'alluvione di cemento della TEEM e della Brebemi.

"Si tratta di una razionalizzazione che va nella direzione giusta, puntando ad una maggior efficacia delle risorse e del personale impegnati in questi due enti, ma che sconta un enorme rischio se si parte col piede sbagliato", dichiara Damiano Di Simine, presidente di Legambiente Lombardia che stamane ha inviato ai Consiglieri regionali una lettera chiedendo un diverso percorso per arrivare ad un risultato anche migliore in termini di razionalizzazione, tenendo anche conto dei 18 parchi sovracomunali presenti nell'area metropolitana, che attualmente sono fortemente sottodotati e che invece potrebbero tutti insieme formare altrettanti tasselli del parco di cintura, sotto un'unica regia istituzionale e organizzativa . "Non vogliamo che un obiettivo così alto quale è la formazione della cintura verde dell'area metropolitana venga affrontato con un deficit di progettazione dei passaggi istituzionali, necessari anche ad acquisire il consenso di tutti i comuni interessati e a non calare la decisione dall'alto. A preoccuparci in particolare è il fatto che la legge prevede l'immediata abrogazione delle leggi istitutive che definiscono non solo i perimetri, ma anche le finalità dei due parchi, senza sostituirle con un atto di pari efficacia: il rischio è che si crei un vuoto normativo che potrebbe esporre in particolare il Parco Sud ad appetiti speculativi, che fino ad oggi sono stati sventati proprio in forza degli attributi che la legge istitutiva del parco conferisce al suo ente gestore".

La richiesta di Legambiente è di soprassedere per ora alla riorganizzazione degli enti gestori, fissando però una serrata road map per pervenire, in pochi mesi, ad una legge specifica che si faccia carico di tutti gli enti gestori dei parchi presenti nell'area metropolitana, e che sia a tutti gli effetti la legge regionale istitutiva del parco della cintura verde di Milano.

L'Ufficio stampa Legambiente Lombardia 0287386480

Nessun commento: