sabato 11 luglio 2015

Big Jump 2015 FIUMI PULITI: domenica 12 luglio il tuffo collettivo per il rispetto della direttiva europea

Milano, 11 luglio 2015                                                                                        Comunicato stampa


In Lombardia riflettori puntati su LAMBRO, OLONA, MERA, MASINO e TICINO

La denuncia: “in Lombardia un depuratore su cinque è fuori legge''

Appuntamenti per la stampa
Domenica, 12 luglio 2015, alle ore 11.00, al Ponte sul Lambro di via Frisi a Melegnano e alle 15.00 all’approdo dell’Associazione Calimali a Fagnano Olona e sul Ticino al Ponte di Oleggio

Domenica decine di migliaia di persone si tufferanno simultaneamente nei fiumi e nei laghi di tutta Europa. Torna infatti il Big Jump, la campagna europea di European Rivers Network (ERN) ideata per reclamare la balneabilità di tutti i corsi d’acqua. Attraverso un grande tuffo collettivo dunque verrà lanciato un messaggio simbolico alle istituzioni locali e internazionali affinché adottino tutte le politiche necessarie al ripristino del buono stato ecologico dei diversi ambienti acquatici. In Italia l’iniziativa è coordinata da Legambiente che come ogni anno organizzerà moltissimi tuffi in tutta la Penisola. In Lombardia il Big Jump avverrà nelle acque dei fiumi Lambro, Olona, Ticino e Mera e nel torrente Masino. “Entro il 22 dicembre di quest'anno, secondo la direttiva europea 2000/60, tutti i corsi d'acqua avrebbero dovuto raggiungere lo stato ecologico 'buono' – ricorda Damiano Di Simine, presidente di Legambiente Lombardia – Ma  l'Italia e la Lombardia, cronicamente in infrazione, non hanno programmato per tempo gli investimenti necessari al risanamento. In Lombardia meno di un terzo dei corpi idrici  raggiungerà il livello di qualità prescritto dalla UE, tanto che la Regione ha dovuto chiedere deroghe”.
Secondo i dati di Regione Lombardia infatti, solo il 27% dei fiumi, il 53% dei laghi e il 17% dei corpi idrici sotterranei raggiungeranno l’obiettivo buono per fine 2015. Tutti gli altri sono rimandati al 2021 o al 2027.

Sotto le lenti dell'associazione, come sempre, i 'grandi malati': Olona, Seveso, Lambro e Mella, con i loro affluenti come il Molgora o il Bozzente, che fanno registrare concentrazioni di inquinanti inaccettabili a causa di scarichi selvaggi, collettori fognari insufficienti, depuratori malfunzionanti o addirittura inesistenti (è il caso gravissimo del Mella, che riceve gli scarichi non trattati della Valtrompia). Ma a portare acque pesantemente inquinate fino al Po sono anche molti colatori e canali agricoli del Basso Cremonese e Mantovano, gravati da pesanti carichi di inquinamento di origine agrozootecnica che causano il deterioramento delle acque del grande fiume nel tratto da Cremona alla foce.
“A fronte di situazioni in miglioramento, come nel caso dell'area metropolitana dove sono stati realizzati o programmati grandi investimenti di risanamento idrico, permane una situazione di grave insufficienza in molte parti della nostra regione – dichiara Lorenzo Baio, settore acqua di Legambiente Lombardia – da parte nostra non ci stanchiamo di denunciare le inaccettabili prestazioni del sistema depurativo lombardo, dal momento che un impianto su quattro restituisce ai fiume acque non conformi, e dunque ancora inquinate”

In Lombardia quest’anno il Big Jump animerà le rive del Lambro a sud di Milano, dove per l’occasione farà tappa la “Carovana del Lambro” partita lo scorso gennaio e inserita all’interno del progetto “VOLARE - ValOrizzare il fiume LAmbro nella Rete Ecologica regionale”, coordinato dal comune di San Giuliano M.se in collaborazione con i comuni di Melegnano e San Donato M.se, Istituto Nazionale di Urbanistica e Legambiente e cofinanziato da Fondazione Cariplo. L’evento si svolgerà sul Ponte di via Frisi a Melegnano dove durante la mattina i volontari di Legambiente, WWF e Il Bradipo organizzeranno laboratori per bambini, e raccoglieranno i “sogni” delle associazioni e dei cittadini interessati al fiume. Alle 11.00 si svolgerà il Big Jump con decine di attivisti coinvolti.
Il Big Jump nei fiumi lombardi si svolgerà anche sul Ticino, al Ponte di Oleggio (VA) preceduto da una discesa in canoa da Somma Lombardo. L’appuntamento vuole spronare i Parchi del Ticino lombardo e piemontese a migliorare il coordinamento delle proprie azioni ed interventi nei riguardi del fiume azzurro, al fine di trovare le soluzioni migliori e condivise per la riqualificazione della valle fluviale e delle acque del Ticino. Mentre sull'Olona l'invito è a Fagnano Olona (VA) per chiedere che questo fiume venga finalmente salvato, chiudendo l’annosa questione degli scarichi non collettati e delle acque rilasciate dagli sfioratori di piena dei collettori.
In Val Masino il tuffo vuole ricordare quanto sia importante preservare i corsi montani da improbabili progetti di derivazione a scopo idroelettrico. Troppe sono infatti le derivazioni presenti in Lombardia (oltre 500) a cui si aggiungono centinaia di richieste di concessione in attesa di verifica. Per questo i volontari dell’associazione sfideranno le gelide acque del Masino, in uno degli ultimi tratti integri di questo torrente montano.
Chiude l’appuntamento sul Mera dove il problema è legato invece alle scarse condizioni di qualità ecologiche (appena sufficiente) e chimiche (non buono) del Lago di Mezzola, che ancora oggi subisce gli effetti di inquinamento industriale dell’area Ex Falck di Novate Mezzola, sedime industriale dismesso da 25 anni ma ancora da bonificare.

Il programma dei Big Jump in Lombardia:

Fiume Lambro – Ponte di Melegnano
Appuntamento dalle ore 9.30 alle 13.00 con il progetto VOLARE. Laboratori per ragazzi e raccolta di idee per il fiume. Alle ore 11.00 il Big Jump, il tuffo simbolico nel fiume Lambro fatto con sagome di bagnanti e pesci volanti di cartone e a conclusione un brindisi.

Fiume Olona – Approdo dell’Associazione Calimali – Fagnano Olona
Un folto gruppo di volontari internazionali e italiani si tufferanno nell’Olona alle ore 15.00, a seguire il racconto delle loro attività di volontariato e l’esperienza di navigazione con una barca totalmente riciclata.

Fiume Ticino – Turbigo
Alle 10,30 discesa in canoa dalla Diga del Panperduto al Ponte Lonate/Oleggio. Alle ore 12.30 rinfresco presso il centro parco Cascina Casone Pombia e alle 15.00 grande Big Jump sulla sponda lombarda della diga della Paladella.

Fiume Mera – Sorico (sabato 11)
I volontari compiranno una discesa in canoa della parte terminale del fiume da Gera Lario a Sorico dalle 11.00 alle 12.00.

Torrente Masino – Bagni di Masino
Nella felice cornice montana della Val Masino, i volontari di Legambiente si ritroveranno presso il punto informazioni alle ore 15.00.
  
L’Ufficio stampa Legambiente Lombardia 02 87386480  
Lorenzo Baio, responsabile campagna 348 5636276

Nessun commento: